Mediterraneo | 26

Isola di Calchi

Scritte sui muri come voci:
voce dell’essere, seconda persona singolare.

Graziano Spinosi

.

Assumere il mio esser-tale, la mia maniera di essere, non come questa o quella qualità, questo o quel carattere, virtù o vizio, ricchezza o miseria. Le mie qualità, il mio esser-così non sono qualificazioni di una sostanza (di un soggetto) che resti dietro di esse, e che io veramente sarei. Io non sono mai questo o quello, ma sempre tale, così. La redenzione non è un evento in cui ciò che era profano diventa sacro e ciò che era stato perduto viene ritrovato. La redenzione è, al contrario, la perdita irreparabile del perduto, la definitiva profanità del profano. Inoperosità non significa inerzia, ma katargeis – cioè un’operazione in cui il come si sostituisce integralmente al che, in cui la vita senza forma e le forme senza vita coincidono in una forma di vita. Vedere semplicemente qualcosa nel suo essere-così: irreparabile, ma non per questo necessario; così, ma non per questo contingente – è l’amore. Giorgio Agamben | La comunità che viene

Palomar

Giulio Paolini · Palomar · 1998

Se rifletto sul contemporaneo immagino corpi vicini nello spazio. Penso alla contiguità, non al tempo.

Graziano Spinosi

 

Contemporaneo è colui che riceve in pieno viso il fascio di tenebra che proviene dal suo tempo.

Giorgio Agamben · Che cos’è il contemporaneo?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.